Negri froci giudei & co.
 
Chi il colpevole?
... ma il negro (le carceri straripano prevalentemente di negri),
... ma lo zingaro, loro rubano
Chi ti ha fregato i soldi?
... ma l'ebreo naturalmente.
ecc. ecc. insomma negri, ebrei, religiosi, handicappati, omosessuali, gialli, comunisti, zingari, diversi perfino nella gradazione del colore della pelle.
 
Il testo un saggio sul razzismo, una testimonianza cruda e atroce dei pi accaniti razzisti, le testimonianze e i tentativi di nascondere eccidi e torture accusando di falsit coloro che tentarono di raccontare.
Espone anche le idiozie di molte persone importanti a livello religioso, politico, militare, di scienza che con le loro opere e scritti diffusero trattati demenziali che se non  fossero tragici farebbero ridere e purtroppo trovarono chi ci credeva e ci crede tuttora, pensate a quanti sono stati ingannati da Vanna Marchi!
Il libro non mi piaciuto, tranne qualche capitolo verso la fine, non mi piaciuto per l'efferatezza del racconto, il sangue e la sofferenza di esseri umani... preferisco non vedere, non sentire... preferirei morire prima di arrivare al punto in cui  si sono comportati i carnefici! E non perdono chi bene o male salv qualcuno pur essendo dalla parte dei carnefici: La destra di oggi tende infatti a rivalutarli... per me neppure Il papa Pio XII salverei, o Schindler o altri.
Ci sono riferimenti alla politica di questi anni, dei ministri del governo Berlusconi, di molte insensatezze dette e fatte soprattutto con l'immigrazione! "Che differenza c' fra la proposta di prendere le impronte digitali dei bambini zingari rom (per il loro bene???), proposta da Maroni e la stella gialla al braccio dei bambini ebrei in segno di pubblico ludibrio. Stupisce il silenzio del presidente della commissione per l'infanzia (Alessandra Mussolini)  ma, dice Gian Antonio Stella, forse nel DNA familiare.
"Pier Paolo Pasolini dice:"io sono come un negro in una societ razzista (...) sono un tollerato (...) la tolleranza una forma di condanna raffinata."
L'ultimo capitolo lo dedica alla "Venere ottentotta" di cui hanno fatto un film: questa povera negra dopo morta le hanno preso il cranio e la "enorme" vagina per studi, nel 1810 fu portata dall'africa a Parigi per usarla come belva nuda da spettacolo. Solo qualche anno f la Francia ha restituito i poveri resti al suo paese natale!!!
 
torna a letture